CIMITERO – IL NUOVO PARCHEGGIO: INUTILE, COSTOSO E…. CHIUSO.

ParcheggioCimitero1Il nuovo parcheggio, recentemente realizzato accanto al cimitero, è ancora inagibile.

I lavori sono terminati ormai da settimane, e tutti si sarebbero aspettati di poterlo utilizzare il 1 Novembre, festa di tutti i Santi, unico giorno dell’anno in cui il cimitero fa registrare il tutto esaurito. Invece no. Il parcheggio, costato 55.000 euro e con una capacità di solo 13 posti auto, era chiuso.

Poco male peraltro. I Concorezzesi, come previsto, hanno parcheggiato senza difficoltà nel parcheggio ALDI. Che, lo ricordiamo, è pubblico e non riservato al supermercato. E anche nelle ore di maggiore afflusso al cimitero non si sono registrate difficoltà a trovare un posto auto. Una ulteriore conferma che la costruzione del parcheggio poteva essere evitata.

A tuttoggi sono ignote le motivazioni alla base della sua realizzazione: ricordiamo che il parcheggio è stato realizzato nell’ambito del piano di intervento “LIDL”: il supermercato si era offerto di realizzare 42 posti auto pubblici, gratuitamente, su via Milano; dove c’è forte necessità di posti auto (basti pensare a Oratorio, Teatro, Villa Teruzzi,…). Ma l’amministrazione aveva chiesto a LIDL di realizzare soli 19 posti, scegliendo di costruire invece il mini-parcheggio accanto al cimitero. Peraltro pagandolo con i soldi dei cittadini….    

ParcheggioCimitero2Vivi Concorezzo aveva a suo tempo presentato una osservazione, chiedendo la non realizzazione dello stesso e la realizzazione dei 42 posti auto pubblici e gratuiti su via Milano. Osservazione respinta dall’amministrazione senza una spiegazione.   (QUI ciò che avevamo scritto a suo tempo)

Restando nell’ambito del cimitero, ci domandiamo piuttosto perche non si sia ancora intervenuti sul passaggio tra il vecchio parcheggio e il vialetto del cimitero. Passaggio che ancora oggi, da anni, avviene per un pertugio ricavato tra le siepi, con un doppio gradino, invalicabile per un portatore di handicap.

 

 

CondiVIVI Concorezzo!Share on FacebookShare on LinkedInShare on Google+Pin on PinterestTweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Invia il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>